AISM

BlogBlog

LibreriaLibreria

CommunityCommunity

PressPress

AccessibilitàAccessibilità

Home » Sclerosi multipla e mitoxantrone - Novantrone
Condividi con Facebook Condividi con Twitter email Stampa
AISM

Sclerosi multipla e mitoxantrone - Novantrone

Terapie iter

Azienda: Meda Pharma
Principio attivo: mitoxantrone
Modalità di somministrazione: endovena
Posologia: 12mg/m2 di superficie corporea ogni 3 mesi 
Indicazioni: indicato nei pazienti ambulatoriali (non ancora costretti alla sedia a rotelle) affetti da sclerosi multipla progressiva cronica secondaria con o senza attacchi intermittenti che siano in una fase attiva della malattia; questa fase viene definita da due attacchi o da un peggioramento EDSS di almeno un punto in 18 mesi.
Effetti collaterali comuni: Il farmaco è generalmente ben tollerato alle dosi riportate sopra. I più comuni effetti collaterali sono: nausea, vomito, cefalea, alopecia, disordini mestruali, infezioni delle vie urinarie, mucositi, diarrea e leucopenia.
Effetti collaterali gravi: cardiotossicità cumulativa al dosaggio di 120-140 mg/mq, leucemia mieloide acuta, sindrome mielodisplastica, leucemia acuta
Precauzioni: Il farmaco viene somministrato per via endovenosa, in ambiente ospedaliero. Prima di somministrare il farmaco e successivamente ogni 3 mesi è necessario eseguire un elettrocardiogramma e un ecocardiogramma. Durante tutto il periodo del trattamento verranno controllati inoltre i valori dei globuli bianchi nel sangue e il profilo biochimico completo.
Modalità di conservazione: Non conservare a temperatura superiore a 25° C.
 

 

Informazioni

Azienda: Meda Pharma.

Principio attivo: mitoxantrone.

Nome commerciale: Novantrone.

Modalità di somministrazione: endovenaPosologia: 12mg/m2 di superficie corporea ogni 3 mesi.

Indicazioni: indicato nei pazienti ambulatoriali (non ancora costretti alla sedia a rotelle) affetti da sclerosi multipla progressiva cronica secondaria con o senza attacchi intermittenti che siano in una fase attiva della malattia; questa fase viene definita da due attacchi o da un peggioramento EDSS di almeno un punto in 18 mesi.

Effetti collaterali comuni: Il farmaco è generalmente ben tollerato alle dosi riportate sopra. I più comuni effetti collaterali sono: nausea, vomito, cefalea, alopecia, disordini mestruali, infezioni delle vie urinarie, mucositi, diarrea e leucopenia.

Effetti collaterali gravi: cardiotossicità cumulativa al dosaggio di 120-140 mg/mq, leucemia mieloide acuta, sindrome mielodisplastica, leucemia acuta.

Precauzioni: Il farmaco viene somministrato per via endovenosa, in ambiente ospedaliero. Prima di somministrare il farmaco e successivamente ogni 3 mesi è necessario eseguire un elettrocardiogramma e un ecocardiogramma. Durante tutto il periodo del trattamento verranno controllati inoltre i valori dei globuli bianchi nel sangue e il profilo biochimico completo.

Modalità di conservazione: Non conservare a temperatura superiore a 25° C.