AISM

BlogBlog

LibreriaLibreria

CommunityCommunity

PressPress

AccessibilitàAccessibilità

Home » Sintomi della sclerosi multipla: disturbi vascolari
Condividi con Facebook Condividi con Twitter email Stampa
AISM

Sintomi della sclerosi multipla: disturbi vascolari

Sintomi della sclerosi multipla: disturbi vascolari

 

Questi sintomi della sclerosi multipla si possono manifestare sotto forma di edema venoso, linfedema, trombosi venosa profonda, e si presentano in circa l’11% delle persone con sclerosi multipla.

 

I sintomi vascolari nella sclerosi multipla si verificano spesso come conseguenza della scarsa mobilizzazione e possono causare difficoltà nel raggiungimento o nel mantenimento della stazione eretta, ridotta autonomia nelle attività della vita quotidiana.

 

Tali sintomi frequentemente sono associati all’allettamento e/o alla sedentarietà.

 

In particolare il linfedema è l'accumulo di fluido linfatico nel tessuto interstiziale, derivante da una cattiva circolazione del sistema linfatico nel restituire fluido alla circolazione nonostante la normale filtrazione capillare.

 

Nella sclerosi multipla si manifesta più comunemente come gonfiore dei piedi e delle caviglie e si verifica perché il sistema linfatico non riceve aiuto dai movimenti muscolari che normalmente consentono al fluido linfatico di fluire correttamente. Il linfedema può anche cronicizzarsi e diventare fibrotico, in questa situazione la condizione risulta irreversibile con un alto rischio di infezione

 

 

Tali sintomi della sclerosi multipla possono peggiorare la qualità di vita della persona con sclerosi multipla, potendo anche causare condizioni di ansia, depressione e abbassamento dell’autostima.

 

Sintomi vascolari nella sclerosi multipla. Come avviene la diagnosi?

Può essere indicata una visita specialistica angiologica, linfangiologica.

 

Sintomi vascolari nella sclerosi multipla. Quali trattamenti?

I sintomi vascolari nella sclerosi multipla possono essere gestiti con un trattamento fisico riabilitativo (esercizi isotonici, esercizi respiratori, training deambulatorio) drenaggio linfatico manuale, bendaggi funzionali multistrato, drenaggio linfatico meccanico, contenzione elastica (calze elastiche).

 

Inoltre la rieducazione posturale potrà servire per favorire il deflusso della linfa con utilizzo di tecniche come lo stretching prolungato, RPG, tecniche manuali mio-fasciali, tecniche di inibizione muscolare. Esistono anche possibilità di approcci chirurgici mediante interventi di microchirurgia linfatica, indicati eventualmente dallo specialista.

 

Ultimo aggiornamento 8 febbraio 2022

 

Nella foto: un'immagine dal reportage Under Pressure - Living with MS in Europe. © 2011, Fernando Moleres

Seguici sui social

  • Facebook
  • Twitter
  • Canale Youtube
  • Instagram