AISM

BlogBlog

LibreriaLibreria

CommunityCommunity

PressPress

AccessibilitàAccessibilità

Cerca la notizia

E.g., 12/08/2020
E.g., 12/08/2020
Home » News
Condividi con Facebook Condividi con Twitter email Stampa
AISM

SM Italia 1/2010

19/02/2010


Ë on line il numero 1/2010 di SM ITALIA. Con tutto quello che «vorremmo succedesse nel 2010» nella ricerca scientifica e per la vita delle persone con SM. E con «tutta la determinazione che ci caratterizza per trasformare il condizionale in risultati».

Iniziato il 2010, arriva anche il primo numero annuale di SM ITALIA a ridare slancio al nostro movimento per mettere la parola fine alla SM.

Nell’editoriale di Mario Alberto Battaglia una puntuale mappa di «quello che vorremmo succedesse» quest’anno, per la ricerca scientifica e la vita delle persone con SM. Tra i desideri, «vorremmo che i ricercatori italiani, finanziati FISM, insieme a quelli statunitensi e canadesi approfondiscano gli studi sulla insufficienza cerebrospinale venosa cronica (CCSVI), perché le persone con SM vogliono sapere se e come e per chi questo nuovo ambito di ricerca aprirà nuove prospettive di cura». Il condizionale è d’obbligo, ma «stiamo tutti lavorando con la determinazione che ci caratterizza per raggiungere i risultati attesi».

L’inchiesta, a poco più di un mese da una nuova tornata elettorale, si occupa di disabilità e politica, per approfondire a che punto è l’inclusione delle persone con disabilità e quali sono gli ostacoli ancora da superare.

Importante – e da leggere con attenzione – l’inserto sulle forme progressive di sclerosi multipla, le più difficili da gestire. Capiamo insieme come vengono diagnosticate e trattate. La ricerca è attiva anche su questo fronte, per trovare farmaci efficaci e migliorare la qualità di vita.

Nelle pagine di «Pianeta AISM» il racconto di un nuovo importante progetto avviato dall’AISM per arrivare a costituire, con le Sezioni e i Centri clinici SM, una rete permanente di psicologi dedicati alla SM.

Nelle pagine finali una stimolante intervista ad Arnoldo Mosca Mondatori, editore di idee col desiderio di contribuire a un «nuovo umanesimo», che faccia propria l’autenticità dei giovani e aiuti tutti a non appiattire l’uomo solo sulla dimensione economica «L’atto coraggioso di chi rompe i luoghi comuni genererà sempre il vero cambiamento».

Pronto? Allora ti basta un click per leggere il numero integrale.