Salta al contenuto principale
Due nuovi strumenti informativi di AISM per futuri genitori

23/01/2023

Escono oggi due video-tutorial e due guide pdf, realizzate da AISM, sui percorsi complessi ma non impossibili per diventare genitori adottivi o per avere figli con il supporto della procreazione medicalmente assistita.

 

«Con mio marito abbiamo fatto di tutto per diventare genitori in modo naturale. Non ci siamo riusciti, e per me è una ferita ancora aperta: a volte piango, quando torno a casa dopo essere stata in compagnia di bambini piccoli di amici o parenti».

 

Antonella Ferrari, attrice, giornalista, scrittrice, da molti anni madrina di AISM, dà voce a un desiderio forte che accomuna tante donne e anche tanti giovani uomini con sclerosi multipla.

 

La sclerosi multipla non ostacola, ma magari fortifica, la capacità di una persona e di una coppia di donare amore e sicurezza a un figlio.

 

scarica la guida

guarda il video

 

Per rispondere a bisogni potenti, di cui si parla poco e sui quali non è semplice reperire informazioni chiare, AISM da anni ha acceso i riflettori sul tema della genitorialità con sclerosi multipla, dando vita anche a specifici percorsi, come il “Progetto Famiglia”, che offre occasioni e strumenti di informazione, confronto e condivisione con esperti ma anche tra persone che vivono la stessa esperienza e condividono i medesimi bisogni e analoghi desideri.

 

Dentro questo percorso per “genitori attuali e futuri”, AISM ha ora predisposto due nuovi video-tutorial e due nuove guide pdf che informano, aiutano, supportano le coppie che desiderino vivere l’esperienza della genitorialità senza che la sclerosi multipla diventi un ostacolo insormontabile.

 

scarica la guida

guarda il video

 

Niente è semplice, per nessuno, ma tutto resta possibile anche quando uno dei due partner ha la sclerosi multipla. E anche se la fertilità naturale della coppia non aiutasse a diventare genitori, oggi è possibile ricorrere a percorsi di procreazione medicalmente assistita (PMA) o fare domanda per l’adozione di un minore, perché nessuna legge vieta a una persona con SM di diventare genitore adottivo.

 

Genitori non si nasce, si diventa. Sempre.

 

Georgette Pollizzi, stilista e influencer, imprenditrice, dopo la diagnosi di SM ha scelto di entrare in un percorso di PMA e, con suo marito Davide Tresse, dallo scorso marzo è diventata mamma della piccola Sole: «Oggi Sole – racconta – è il nostro tutto, il nostro miracolo, la gioia più grande. L’abbiamo tanto voluta con noi. Il percorso di procreazione medicalmente assistita, che abbiamo intrapreso per darle la vita, non è una passeggiata, anzi, è molto impegnativo. Ma ne è veramente valsa la pena».

 

Chi e come può intraprendere un percorso di procreazione medicalmente assistita? Cosa comporta per la terapia con cui si controlla la SM? Un percorso di PMA può aumentare i rischi di ricaduta o di peggioramento dell’evoluzione della malattia? Quali professionisti entrano in gioco e come si svolge?

 

E se una coppia volesse pensare all’adozione, come si fa la domanda, a chi ci si rivolge, con quali tempi e speranze di arrivare al traguardo? Quanti costi emotivi e pratici bisogna sostenere, nella coppia, per percorrere queste strade? E quali ripercussioni può avere la SM sul figlio che nascerà o verrà adottato?

 

Le domande, se ci si ferma un attimo a pensare, si affastellano.

 

AISM, con i propri esperti in materia, ha voluto iniziare a mettere un po’ di punti fermi e a indicare le informazioni da sapere, sia sugli iter burocratici da seguire che sui riscontri della ricerca scientifica legata a terapie e maternità, attraverso strumenti informativi e webinar dedicati.

Guardare i due nuovi video- tutorial, leggere le Guide è l'inizio di una strada che, se lo vogliamo, può portarci a dare sostanza ai desideri.

 

Si ringrazia Merck per il contributo non condizionato che ha permesso la realizzazione di questi strumenti.