AISM

BlogBlog

LibreriaLibreria

CommunityCommunity

PressPress

AccessibilitàAccessibilità

Cerca la notizia

E.g., 28/06/2022
E.g., 28/06/2022
Home » News
Condividi con Facebook Condividi con Twitter email Stampa
AISM

Invalidità civile: importi e limiti di reddito 2022

INPS ha aggiornato gli importi delle provvidenze d’invalidità, cecità e sordità. Ecco le nuove cifre di pensioni e indennità

18/01/2022
Invalidità civile

 

Come ogni anno INPS (Istituto Nazionale Previdenza Sociale) collega gli importi della provvidenze d’invalidità, cecità e sordità a indicatori di inflazione e costo della vita, come previsto dalle norme vigenti. Dopo un anno, il 2020, di perequazione nulla, il Ministero dell’Economia e Finanze prevede un aumento di tutte le pensioni de +1,7 dal 1° gennaio 2022..

 

Ecco dunque importi e limiti di reddito per assegni e pensioni di invalidità civile per il 2022:

 

Pensione ciechi civili assoluti
Assegno di 315,45 euro e limite di reddito 17.050,42 euro

Pensione ciechi civili assoluti (se ricoverati)
Assegno di 291,69 euro e limite di reddito 17.050,42 euro

Pensione ciechi civili parziali
Assegno di 291,69 euro e limite di reddito 17.050,42 euro
Pensione invalidi civili totali
Assegno di 291,69 euro e limite di reddito 17.050,42 euro
Pensione sordomuti
Assegno di 291,69 euro e limite di reddito 17.050,42 euro
Assegno mensile invalidi civili parziali
Assegno di 291,69 euro e limite di reddito 5.010,20 euro
Indennità mensile frequenza minori
Assegno di 291,69 euro e limite di reddito 5.010,20 euro

Indennità accompagnamento ciechi civili assoluti
Assegno di 946,80 euro e nessun limite di reddito

Indennità accompagnamento invalidi civili totali e minori
Assegno di 525,17 euro e nessun limite di reddito
Indennità comunicazione sordomuti
Assegno di 260,76 e nessun limite di reddito
Indennità speciale ciechi ventesimisti
Assegno di 215,35 e nessun limite di reddito

Lavoratori con drepanocitosi o talassemia major
Assegno 523,83 e nessun limite di reddito

 

Ricordiamo che per le pensioni d’invalidità civile totale al 100% e di inabilità al lavoro viene però corrisposto un aumento generale, secondo limiti reddituali singoli e coniugali come previsto nel corso del 2020:

a) il beneficiario non coniugato deve possedere redditi propri non superiori a 8.583,51 euro;

b) il beneficiario coniugato (non effettivamente e legalmente separato) deve possedere:     

-redditi propri di importo non superiore a 8.583,51 euro;    

- redditi cumulati con quello del coniuge di importo annuo non superiore a 14.662,96 euro.

 

Confermata la previsione di un limite di reddito anche per l’assegno per gli invalidi civili parziali (74%-99%), quindi la possibilità di percepire l’assegno anche in presenza di una minima attività lavorativa e di un reddito entro il limite succitato. Infatti l’INPS aveva emanato nel 2020 una norma in base alla quale avrebbe sospeso tutti gli assegni di invalidi civili parziali che avessero avuto una qualunque attività lavorativa, con reazione immediata delle associazioni e intervento governativo, che ha abolito questa nuova regola di INPS e ripristinato un limite di reddito, correggendo anche le norme generali in vigore. Per ulteriori informazioni.

Iscriviti alla newsletter

Seguici sui social

  • Facebook
  • Twitter
  • Canale Youtube
  • Instagram