AISM

BlogBlog

LibreriaLibreria

CommunityCommunity

PressPress

AccessibilitàAccessibilità

Cerca la notizia

E.g., 29/09/2022
E.g., 29/09/2022
Home » News
Condividi con Facebook Condividi con Twitter email Stampa
AISM

Sclerosi multipla secondariamente progressiva: scoperto un potenziale trattamento

27/03/2014

Una ricerca pubblicata recentemente sulla rivista Lancet ha confermato che alte dosi di simvastatina, un farmaco per abbassare il colesterolo, potrebbero rallentare la progressione nelle persone con SM-SP

 

Questo è il primo studio clinico, che dimostra che un farmaco potrebbe essere utile per le persone con SM secondaria progressiva. Attualmente non ci sono trattamenti disponibili che possono rallentare o arrestare la progressione della disabilità in persone con una forma progressiva di malattia.

La simvastatina, un farmaco attualmente usato per ridurre l'ipercolesterolemia e che presenta un ottimo profilo di sicurezza, ha proprietà neuroprotettive e immunomodulatorie che la rendono un candidato possibile per il trattamento delle forme di SM secondariamente progressive. Studi condotti in precedenza avevano testato il trattamento con simvastatina in forme precoci di SM e nella SM recidivante remittente.

I ricercatori, con questo studio clinico di fase 2, randomizzato, controllato, in doppio cieco, si sono proposti, di valutare l’effetto della simvastatina ad alte dosi per la prima volta nella SM secondariamente progressiva (SMSP). Lo studio ha coinvolto 140 persone con SMSP: 70 hanno assunto 80mg di simvastatina e 70 persone di controllo sono state trattate con placebo per due anni. Le persone che hanno ricevuto la simvastatina hanno mostrato una significativa riduzione del tasso di atrofia cerebrale in due anni. Inoltre, a fine studio, avevano migliori punteggi EDSS (scala di misura dei livelli di disabilità) e migliori punteggi della scala MSIS-29 (usata per misurare l'impatto della SM sulla qualità della vita quotidiana). La simvastatina ad alte dosi è risultata ben tollerata, e i ricercatori sottolineano che è necessario passare a studi di fase 3, che comprendono gruppi di persone con SM più ampi, per validare ulteriormente la sicurezza e l'efficacia di questo farmaco. 

Effect of high-dose simvastatin on brain atrophy and disability in secondary progressive multiple sclerosis (MS-STAT): a randomised, placebo-controlled, phase 2 trial. Chataway J, Schuerer N, Alsanousi A, Chan D, Macmanus D, Hunter K, Anderson V, Bangham CR, Clegg S, Nielsen C, Fox NC, Wilkie D, Nicholas JM, Calder VL, Greenwood J, Frost C, Nicholas R.
Lancet. 2014 Mar 18. pii: S0140-6736(13)62242-4. doi: 10.1016/S0140-6736(13)62242-4. [Epub ahead of print]

Seguici sui social

  • Facebook
  • Twitter
  • Canale Youtube
  • Instagram