AISM

BlogBlog

LibreriaLibreria

CommunityCommunity

PressPress

AccessibilitàAccessibilità

Cerca la notizia

E.g., 28/09/2022
E.g., 28/09/2022
Home » News
Condividi con Facebook Condividi con Twitter email Stampa
AISM

La sclerosi multipla è influenzata dallo stress?

20/12/2013

 

L’ultimo di una serie di studi sull’argomento, sembra confermare questa ipotesi. Alcuni suggerimenti per ridurre gli eventi stressanti

 

Nei periodi in prossimità delle feste lo stress aumenta per la maggior parte delle persone, poca disponibilità economica, liste di cose da fare  troppo piene di impegni, poco tempo libero a disposizione.

Ma mentre nella maggior parte delle persone questo stress determina solo sensazioni di tormento, di incapacità a far fronte alle cose, nelle persona con SM può influenzare il decorso della malattia.

A tale proposito un gruppo di ricercatori americani, coordinati dal prof Mohr DC hanno voluto verificare se gli eventi stressanti positivi e negativi potrebbero avere una correlazione con la formazione di nuove lesioni a livello cerebrale nelle persone con SM.

 

In particolare questo studio pubblicato sulla rivista Psicologia Medicine ( 2014 Jan ; 44 (2) :349-59)  ha osservato 121 persone con SM  che si sono sottoposte regolarmente all’esecuzione di risonanza magnetica per monitorare l'attività della malattia. Nel corso di quattro anni, la metà dei partecipanti si  è sottoposta inoltre  a trattamenti per la gestione dello stress per la SM  mentre l'altra metà non ha partecipato. Inoltre, ogni mese le persone sono stati intervistate circa gli eventi stressanti della vita, ansia e sintomi depressivi. Queste informazioni sono state poi utilizzate per prevedere migliorando lesioni della SM sui loro scansioni MRI entro i due mesi successivi.

I partecipanti sono stati invitati a classificare gli eventi stressanti come positivi o negativi, per esempio sono stati considerati negativi  gravi quelli eventi che hanno coinvolto minaccia fisica o la minaccia di struttura familiare del paziente.  Un lutto in famiglia era considerato un grave evento negativo, mentre eventi stressanti  positivi includevano la nascita di un figlio, un matrimonio, o un nuovo lavoro, tutti fatti positivi ma comunque possibili fonti di stress.

I partecipanti hanno ricevuto la terapia di gestione dello stress apprendendo le competenze di base, comprese le tecniche di rilassamento, problem solving , come di concentrarsi su attività positive , e l'importanza del sostegno sociale. I ricercatori hanno trovato che, una volta che sono stati forniti gli strumenti corretti, le persone sono state  in grado di gestire meglio lo stress e con successo ridurre il rischio di nuove lesioni della SM .

In conclusione, i ricercatori hanno verificato ciò che avevano ipotizzato e cioè che gli stress negativi erano associati ad un aumento dell’attività di malattia, mentre gli stress positivi erano correlati ad un ridotto rischio di attivazione della malattia e che inoltre le tecniche proposte di gestione dello stress aiutavano in maniera importante le persone.

Questo studio si aggiunge a numerosi altri presenti in letteratura scientifica che indica che l’attività di malattia è un processo complesso, dovuto all’interazione di più fattori genetici, immunitari, individuo ambiente.

 

Alcuni suggerimenti per ridurre lo stress

È  impossibile evitare lo stress e non è possibile andare sempre in vacanza per  superare un periodo particolarmente stressante:

  • Troppe cose da fare sulla tua lista di impegni? Fatti aiutare da qualcuno
  • Evita di esagerare, non farti prendere dalla corsa a fare shopping o volere partecipare a tutte le feste.
  • Impara a dire "No"
  • Trovare il tempo ogni giorno per rilassarti .
  • Non cercare la perfezione in ogni cosa.
  • Stai in sintonia con il tuo corpo. Una corretta alimentazione, un costante esercizio fisico possono aiutarti nel gestire lo stress.

Seguici sui social

  • Facebook
  • Twitter
  • Canale Youtube
  • Instagram