AISM

BlogBlog

LibreriaLibreria

CommunityCommunity

PressPress

AccessibilitàAccessibilità

Cerca la notizia

E.g., 29/09/2022
E.g., 29/09/2022
Home » News
Condividi con Facebook Condividi con Twitter email Stampa
AISM

Sclerosi multipla: il rapporto con fede e spiritualità

16/01/2014

Vivere la SM pone diversi ostacoli. Le persone possono trovare modi diversi per affrontare la malattia e ciò che comporta. La fede religiosa o la spiritualità influiscono? Uno studio cerca di capirlo

Vivere con la SM può essere impegnativo e  le persone possono  trovare modi anche estremamente diversi per affrontare non solo la malattia ma anche ciò che essa comporta. Questo studio ha esaminato se la fede religiosa o un approccio più spirituale alla vita avesse fatto la differenza nel  vivere  la SM.

Obiettivo di questa ricerca tedesca, pubblicata a dicembre sulla rivista Evidence Based Complementary Alternative Medicine (Faith as a resource in patients with multiple sclerosis is associated with a positive interpretation of illness and experience of gratitude/awe)è stato valutare se la fede religiosa o un approccio più spirituale alla vita potesse in qualche modo influenzare la convivenza delle persone con la SM.

Lo studio, che ha coinvolto 213 persone con SM tra i 18 e i 65 anni, con un livello di disabilità medio moderato, ha utilizzato come mezzo valutativo alcuni questionari riguardanti vari aspetti della loro vita e anche dei metodi e approcci che queste persone hanno utilizzato per affrontare la SM nella maniera più positiva possibile ed un questionario riferito alla loro vita religiosa e spirituale. In base ai risultati di questo ultimo le persone sono state divise in quattro gruppi : a) religiosa, ma non spirituale; b) non religioso ma spirituale; c) sia religioso che spirituale; d) ateo.

In particolare, nel questionario riguardante le pratiche spirituali e religiose venivano elencati  i seguenti sottogruppi: pratiche religiose, tra cui pregare e frequentare la chiesa;  pratiche umanistiche come aiutare gli altri; pratiche esistenzialistiche come trovare il senso della vita, auto-realizzarsi, , pratiche spirituali tra cui la meditazione e le discipline mente-corpo come lo yoga.

Dall’elaborazione dei questionari è emerso che il 31% dei partecipanti si considera religioso, mentre circa il 55%  non si considera religioso. Circa il 29% di coloro che si consideravano religiosi l’affermazione "La mia fede è una roccaforte nei momenti difficili" è era vera e pertanto la fede ha un impatto importante nei periodi difficili della loro vita, mentre circa il 52 %  ha respinto  completamente  tale affermazione . Solo il 6 % invece ha dichiarato di aver perso la fede a causa di esperienze diverse nella vita.

In conclusione è emerso che coloro che vedono/vivono la loro religione come una roccaforte in tempi difficili sono più propensi a rivalutare la loro vita, mostrare maggiore gratitudine, sperimentare e valorizzare la bellezza nella vita, avere un atteggiamento più positivo e consapevole della vita. I ricercatori commentano che, comunque, la fede non è indicata come un mezzo per ottenere la guarigione ma per riflettere maggiormente su ciò che veramente deve essere considerato più importante nella propria vita e per affrontare la vita così come essa è.

Tuttavia,  non è stata osservata alcuna relazione tra questa considerazione  e gli altri parametri presi in considerazione come per esempio il punteggio EDSS o la presenza di altri sintomi come la fatica. Le persone che erano state individuate come atee erano meno propense a riflettere su ciò che era essenziale nella vita o per apprezzare e valorizzare la vita.

Faith as a resource in patients with multiple sclerosis is associated with a positive interpretation of illness and experience of gratitude/awe.
Büssing A, Wirth AG, Humbroich K, Gerbershagen K, Schimrigk S, Haupts M, Baumann K, Heusser P. Evid Based Complement Alternat Med. 2013;2013:128575. doi: 10.1155/2013/128575. Epub 2013 Nov 10.

Seguici sui social

  • Facebook
  • Twitter
  • Canale Youtube
  • Instagram