AISM

BlogBlog

LibreriaLibreria

CommunityCommunity

PressPress

AccessibilitàAccessibilità

Cerca la notizia

E.g., 28/09/2022
E.g., 28/09/2022
Home » News
Condividi con Facebook Condividi con Twitter email Stampa
AISM

Sclerosi multipla: l’interazione tra obesità e fattori genetici aumenterebbe rischio di sviluppare la malattia

11/03/2014

La ricerca – condotta da un gruppo di ricercatori svedesi e americani – è stata pubblicata su Neurology. Obesità infantile e predisposizione genetica aumenterebbero di 8 volte il rischio di SM

 

In uno studio svedese  comprendente  due grandi popolazioni di persone con e senza sclerosi multipla, l'obesità infantile è emerso come possibile fattore di rischio per sviluppare la sclerosi multipla. Tale rischio risulterebbe aumentato sostanzialmente in coloro che presentavano specifici geni di rischio che controllano il sistema immunitario. Un gruppo di ricercatori svedesi e americani hanno pubblicato i risultati della loro ricerca sulla rivista scientifica Neurology ( 2014; 82:1-8 ), sottolineando la necessità di ulteriori ricerche per confermare questi risultati e per individuare altri possibili fattori di rischio coinvolti.

La sclerosi multipla non è una malattia ereditaria in senso stretto. I ricercatori, soprattutto gli epidemiologi stanno cercando di comprendere i fattori determinanti la distribuzione geografica della SM nel mondo e soprattutto valutare quali fattori si comportino come determinanti l’insorgenza della malattia. Tra questi diversi fattori ricordiamo, per esempio: sesso, genetica, età, geografia e origine etnica. I geni che determinano la suscettibilità o familiarità allo sviluppo della SM identificati fino ad oggi non sono generalmente utili dal punto di vista clinico per fornire una consulenza genetica alle persone che possono sviluppare la SM .

Negli ultimi decenni la prevalenza dell’obesità è aumentata in tutto il mondo, inoltre questa condizione è associata ad una aumentata attività del sistema immunitario, queste considerazioni hanno spinto i ricercatori a cercare di determinare se vi sia una correlazione tra obesità e il rischio di sviluppare la SM.

Nel presente studio i ricercatori hanno utilizzato i dati di due popolazioni coinvolte in precedenti studi effettuati sui possibili fattori di rischio ambientali e genetici coinvolti nell’insorgenza della SM: uno comprendeva 1.510 casi di SM e 2017 controlli senza SM, l’altro 937 casi e 609 controlli. Sono state valutate le informazioni riguardanti due geni, precedentemente associati al rischio di sviluppare la SM (presenza di  HLADRB1 * 15 e HLA -A * 02), indice di massa corporea a 20 anni e lo sviluppo della sclerosi multipla.

In entrambe le popolazioni di studio, l'obesità infantile era associata con un aumentato rischio di sclerosi multipla, così come la presenza di HLADRB1 * 15 o  l'assenza di HLA -A * 02.  I partecipanti che avevano sia obesità infantile e uno dei fattori di rischio genetici avevano un rischio quasi otto volte maggiore di sviluppare la SM, rispetto a coloro che non erano obesi nell'adolescenza  e che non avevano nessuno dei fattori di rischio genetici .

Questo studio si aggiunge al crescente numero di studi svolti su alcuni fattori ambientali come per esempio l’obesità infantile. Gli autori sottolineano che i meccanismi immunitari associati all'obesità possono essere attivati verso lo sviluppo della SM nelle persone che però presentano una predisposizione genetica. Infine è importante notare che non tutti coloro che sono obesi durante l'adolescenza sviluppano la SM e inoltre molte persone che hanno sviluppato la SM non sono state obese che molte persone durante la loro l'adolescenza

Seguici sui social

  • Facebook
  • Twitter
  • Canale Youtube
  • Instagram